Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Piazza dei Nerli, l’assessore Giorgetti: “La consigliera Amato può stare tranquilla: la catena è già stata riparata”
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

“La consigliera Amato stia tranquilla: la catena in piazza dei Nerli è già stata riparata e la ztl è di nuovo tutelata dal parcheggio abusivo ”. È quanto dichiara l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti replicando alla consigliera di Al Miriam Amato.
“La consigliera non deve preoccuparsi. L’Amministrazione è intervenuta rapidamente non appena venuta a conoscenza di quanto accaduto e la catena è già stata riparata”. E rimanendo su piazza dei Nerli, l’assessore aggiunge: “Vedo che la consigliera Amato continua con le sue critiche sulla pavimentazione. Colgo l’occasione per ricordarle che il colore è stato scelto dalla Sovrintendenza e che richiama direttamente quello usato per piazza Pitti. Quella piazza Pitti che la stessa consigliera aveva indicato come modello per piazza dei Nerli. Inoltre mi piacerebbe che i suoi giudizi non fossero limitati al solo materiale della pavimentazione: la piazza è stata oggetto di un intervento di riqualificazione complessivo, gradito ai fruitori della scuola e a molti residenti, che ha visto il rifacimento in pietra dei marciapiedi che sono stati anche allargati in corrispondenza degli ingressi dell'istituto scolastico, la collocazione di nuove panchine, la riorganizzazione della sosta con una particolare tutela per i residenti e la piantumazione di nove alberi. Mi pare davvero singolare che la consigliera, così attenta alla alberature in città, ignori sistematicamente l’arrivo di nove alberi in una piazza che non ne aveva nessuno” conclude l'assessore Giorgetti. (mf)

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati