Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Torna nel negozio dove aveva rubato un giubbotto poche ore prima e tenta un nuovo furto, arrestata dalla Polizia dalla Municipale
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Ripresa dalle telecamere interne nel primo pomeriggio mentre ruba un giubbotto da 500 Euro e beccata dai commessi alle 19 mentre tenta di portare via un trolley nello stesso negozio. E alla fine arrestata dalla Polizia Municipale. La protagonista della vicenda è una trentacinquenne slava, già nota alle forze dell’ordine. Ieri erano passate da poco le 15 quando i commessi del negozio di pelletteria in via dei Gondi si sono resi conto che da un manichino era stato rubato un giubbotto di pelle del valore di 500 Euro. Si sono quindi messi a visionare le immagini riprese dalle telecamere interne di videosorveglianza. Dalla registrazione hanno visto che poco prima, esattamente alle 14.50, una donna era entrata nel negozio, aveva sfilato il giubbotto dal manichino e si era allontanata a piedi in direzione di piazza Signoria. Il tutto in pochi attimi. I commessi, d’accordo con il proprietario, hanno deciso di aspettare l’orario di chiusura per sporgere denuncia di furto. Ma la vicenda però non è ancora conclusa. Alle 19 infatti i commessi notano, con molto stupore, la stessa donna entrare nuovamente nel negozio e tentare di rubare un trolley. Vistasi scoperta, è stata costretta a mollare la presa e si è data alla fuga abbandonando a terra anche altra refurtiva. Nello specifico la donna ha gettato a terra cinque borse ed un portafoglio, ancora con l’etichetta attaccata ma provenienti da altri negozi.
A questo punto sono entrate in azione due pattuglie della Polizia Municipale, allertate dal proprietario della pelletteria. In pochi minuti gli agenti hanno rintracciato la donna in un vicino bar e, dato che era senza documenti, hanno proceduto con la fotosegnalazione: si tratta trentacinquenne di origini slave, tossicodipendente e nota alle forze dell’ordine. Il magistrato di turno ha confermato lo stato di fermo della donna. Stamani si è svolto il processo per direttissima durante il quale il giudice ha convalidato l’arresto e inflitto alla donna il divieto di permanere sul territorio fiorentino.
La Polizia Municipale sta cercando di rintracciare la provenienza delle borse e del portafoglio gettati ieri a terra dalla donna ieri per restituire la refurtiva al legittimo proprietario. (mf)
 

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati