Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Traffico in stazione, l'assessore Giorgetti: "Cantieri al rush finale. Due momenti critici ma nessun blocco continuo"
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

"Le difficoltà ci sono state e continueranno ad esserci. I cantieri sono in pieno svolgimento, e anzi arrivati al rush finale, con quello che ne consegue a livello di occupazione della sede stradale e di movimentazione dei mezzi d'opera. Non possiamo negare che oggi si siano verificati due momenti critici in zona stazione, ma non c'è stato un blocco continuo come qualcuno vuol far intendere". È quanto sottolinea l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti in merito ai rallentamenti registrati oggi in zona stazione.
"Oggi si sono verificati due momenti difficoltà, il primo dalle 11 alle 11.30 circa e il secondo dalle 14 alle 14.30 circa, che hanno in parte bloccato la rotatoria in uscita da Valfonda. Nei due casi l'intervento della Polizia Municipale ha riportato la circolazione alla normalità anche deviando i veicoli sulla direttrice di via della Scala che è rimasta libera".
"È chiaro che con gli attuali cantieri la zona della stazione ha un equilibrio che può entrare in crisi con un afflusso anomalo di mezzi, anche se pubblici, e con comportamenti di guida anomali che emergono dalla visione delle immagini della telecamere. Senza dimenticare che le stesse lavorazioni che si svolgono possono creare dei rallentamenti per uscita e ingresso dei mezzi d'opera". "Con la situazione attuale dei cantieri episodi come questi possono verificarsi. L'importante è intervenire nell'immediato per ripristinare in tempi brevi la viabilità. Come ha fatto oggi la Polizia Municipale" conclude l'assessore Giorgetti. (mf)

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati