Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > #EnjoyRespectFirenze, Cellai (FI): "Iniziativa ridicola e offensiva per i turisti"
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

"Se l'assessore Concia ha impiegato mesi a elaborare la campagna per 'educare' i turisti che visitano la nostra città, crediamo farebbe meglio a fare un'altra cosa in tutta fretta invece: tornarsene a Roma. Il decoro di Firenze non ha bisogno di queste pagliacciate, ma di qualcuno che si occupi dei veri problemi che affliggono il centro storico. Ma, prima di andare, la invito a venire col sottoscritto a consegnare tazze e magliette a rom, venditori abusivi, tossici e ubriaconi che, loro sì, offendono il decoro e l'immagine di Firenze ogni santo giorno". Questa la dichiarazione del capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai.
"Se un turista sporca, nove volte su dieci è perché non trova cestini dove gettare i rifiuti, ed è solo grazie all'educazione di chi visita la nostra città che non si arriva a fare i bisogni per strada, perché neppure i bagni pubblici sono presenti in modo sufficiente in centro storico, com'è arcinoto a tutti, tranne forse che all'assessore. Restiamo davvero allibiti da questa iniziativa, e vorremmo anche capire chi paga i gadget (oltretutto fatti male, non si capisce assolutamente di cosa si stia parlando), e chi nel suo complesso la 'campagna di comunicazione' – aggiunge Cellai –. Invece di incentivare il turismo, vera fonte di ricchezza della nostra città, si fa il decalogo delle buone maniere, come se il turista fosse in quanto tale un maleducato e un cafone, è roba da matti... noi che a Firenze siamo nati e lavoriamo, sappiamo bene chi sono i veri maleducati: sono i rom che si lavano nelle fontane storiche, sono gli ubriaconi che fanno i loro bisogni per strada e si addormentano nudi davanti ai negozi, sono i venditori abusivi che hanno reso le nostre piazze più belle un suk. Proprio a questi ultimi occorrerebbe pensare. Se si togliessero dalle strade, non servirebbe neppure la campagna di comunicazione contro l'acquisto di articoli contraffatti, che pure ci era parsa l'unica trovata comunicativa sensata da parte del Comune".
"Ci meraviglia, sinceramente, l'adesione delle associazioni di categoria a questa ridicola e inutile, se non dannosa, iniziativa. Noi siamo certi che in centro, i commercianti non siano preoccupati da come si comporta un turista, ma dal degrado imperante che ha ben altri responsabili" conclude il capogruppo azzurro. (fdr)
 

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati