testata per stampa
Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

English Version
GEOmobi 055055

GEOmobi

Infomobilità, ZTL, Parcheggi, Lavaggio strade in tempo reale

Trova Firenze

Trova Firenze

I luoghi della Città: Sedi, Uffici, Musei, Seggi elettorali....

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Sindaco > Missione istituzionale a Bruxelles, Nardella: “Grande interesse da parte della Commissione europea per tramvia e Jumbo bus”
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Due giorni densi di appuntamenti a Bruxelles per il sindaco Dario Nardella e l’assessore ai Fondi europei Lorenzo Perra, che oggi hanno incontrato il commissario europeo per la Politica regionale Corina Cretu insieme a una delegazione del Comune di Bagno a Ripoli con il sindaco Francesco Casini.
L’incontro è stato l’occasione per presentare al commissario europeo il progetto del Jumbo bus per collegare Firenze a Bagno a Ripoli e per fare il punto sui lavori delle linee 2 e 3 della tramvia: il sindaco Nardella ha aggiornato il commissario Cretu sull’andamento dei lavori e hanno discusso dell’importanza di chiudere i cantieri nei tempi previsti.
“Abbiamo riscontrato un grande interesse da parte della Commissione europea per il progetto delle linee tramviarie fiorentine - ha detto il sindaco Nardella - e il commissario Cretu ci ha comunicato che sarà a Firenze nel 2018 per l’inaugurazione delle linee 2 e 3. Interesse analogo lo abbiamo riscontrato anche per il progetto del Jumbo bus a proposito del quale il nostro obiettivo è reperire i 30 milioni necessari a realizzarlo, lavorando su più fronti per ottenere un mix di finanziamenti”.
“Sono molto contenta dell’incontro con il sindaco Nardella - ha detto il commissario Corina Cretu -. Firenze è un esempio per tante città per quanto riguarda l’uso efficiente dei fondi comunitari, ma anche per aver messo l'accento sui trasporti pubblici inclusivi e sostenibili. La Commissione europea e me stessa siamo e rimarremo pronti a sostenere Firenze il più possibile per migliorare i mezzi pubblici a beneficio di tutti i fiorentini”.
“Entro le prossime due settimane - ha spiegato Nardella - si costituirà presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un tavolo che inizierà a lavorare sul progetto del Jumbo bus. Al tavolo parteciperanno rappresentanti della Direzione Affari regionali dell’Unione europea, della Banca europea per gli investimenti, i tecnici del Comune e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”. “Il Jumbo bus non è alternativo alla tramvia, ma complementare - ha aggiunto -. È una tappa intermedia e serve per dare una risposta più veloce ed economica alla mobilità del quadrante sud-est della città. Quando poi la tramvia sarà a regime anche in quella parte della città il Jumbo bus potrà essere usato per altre zone”.
Il Comune di Firenze e di Bagno a Ripoli sono impegnati a reperire i finanziamenti per la realizzazione del Jumbo bus attraverso strade diverse e hanno presentato il piano per il reclutamento dei fondi al commissario Cretu: da una parte stanno lavorando per l’ottenimento di finanziamenti, fino a un massimo di 5 milioni, dall’iniziativa per azioni urbane innovative denominata ‘Urban Innovative Actions’ (UIA) per cui la Commissione europea ha lanciato un bando; dall’altra sono impegnati a reperire i restanti 25 milioni di euro necessari per finanziare l’opera attraverso i finanziamenti Bei erogati dalla Banca europea per gli investimenti, attraverso il piano Junker con i fondi FEI, attraverso il programma europeo ‘Alternative Fluel’, che prevede fondi destinati alla mobilità elettrica sostenibile, e infine attraverso finanziamenti privati da Ataf-Busitalia.
“Quello di oggi - ha detto il sindaco di Bagno a Ripoli Casini - è stato un incontro molto positivo che apre ottime prospettive per un sistema di trasporto moderno, efficiente e sostenibile come il Jumbo bus che potrà collegare in maniera veloce l’ara a sud di Firenze con il centro storico della città”. “Il progetto potrà trovare concretezza candidandosi a finanziamenti importanti come quelli del bando Urban Innovative Action, a quello della Banca europea di investimenti in programma a luglio e al bando Alternative fuel in calendario a novembre - ha aggiunto -. A breve inoltre il Jumbo sarà oggetto di un incontro al Ministero delle Infrastrutture a cui parteciperà anche la Commissione europea. L’auspicio è che entro la fine del 2017 possano essere reperiti i trenta milioni necessari per realizzare l’opera e procedere così alla progettazione”.
Nel corso della giornata di oggi il sindaco Nardella e l’assessore Perra hanno incontrato anche Maurizio Massari, rappresentante permanente d’Italia presso la UE, e Martine Reicherts, direttore generale della Direzione Educazione e Cultura della Commissione europea.
Al centro dell’incontro con Massari il progetto della nuova scuola di governance transnazionale che nascerà a Firenze e alla quale il 1° giugno corso il Consiglio dell’Istituto universitario europeo ha dato il via libera. Sarà l’ex presidente del Consiglio Mario Monti a predisporre il piano di start up della scuola, che avrà la propria sede a Palazzo Buontalenti. Con Reicherts, invece, il sindaco Nardella ha parlato dell’incontro delle capitali europee delle cultura, che si terrà a Firenze il prossimo anno.
Nella giornata di ieri il sindaco Nradella e l’assessore Perra hanno incontrato il direttore generale del Dipartimento energia della Commissione europea Dominique Ristori, la ministra del Turismo della Bulgaria Nikolina Angelkova, il presidente della Commissione per i Problemi economici e monetari al parlamento europeo Roberto Gualtieri e l’ambasciatrice d’Italia in Belgio Elena Basile. (fp)
 

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati

Licenza Creative Commons Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006