Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Forza Italia: “Cantieri e traffico, città nel caos ma per l'assessore Giorgetti basta lasciare l'auto a casa...”
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Questo l'intervento dei consiglieri del gruppo Forza Italia Jacopo Cellai, Luca Tani, Mario Tenerani e Mario Razzanelli

 

“Siamo andati avanti a colpi di spot. Lasciate l'auto a casa, usate mezzi alternativi , bici, scooter. Sì, ma quali? Prendiamo un autobus? E questi non arrivano, sono in ritardo, saltano le corse. Prendiamo un taxi? E pure questo è difficile reperirlo.... il motivo è sempre lo stesso: non c'è stata una pianificazione per una viabilità alternativa per il servizio pubblico, e questo ha fatto sì che si verificasse la situazione più triste mai vista per i cittadini, ma anche la più comoda per la politica: utenti contro operatori del settore, cittadini contro autisti Ataf e di taxi colpevoli di farli arrivare in ritardo ad appuntamenti, al lavoro, a visite, quando invece le prime vittime sono proprio loro stessi. Una guerra tra poveri, tutti immersi in una nube di smog, con la politica a fare da giudice addossando una volta la colpa agli uni e una volta agli altri.
Ma non sarebbe più facile fare un mea culpa? Ammettere di aver esagerato, di aver tirato troppo la corda per cercare di concludere il prima possibile i lavori, come in via Valfonda dove il cantiere è stato approntato da quasi un mese per poi far cominciare solo ieri i lavori per i sottoservizi. Quanto tempo sprecato...
A giugno ci sarà di nuovo Pitti: che figura farà Firenze? Speriamo che non abbiano anche la brillante idea di chiudere piazzale Montelungo per l'accumulo dei mezzi per le fiere.
Dobbiamo avere il coraggio di aprire temporaneamente le aree pedonali, aiutare concretamente il servizio pubblico, solo allora si potrà dire ai cittadini di usare mezzi alternativi.
Come Forza Italia abbiamo fatto tante proposte. Ci hanno risposto a volte che non si può, a volte che c'è di mezzo la sovrintendenza, a volte che non è fattibile, e intanto siamo condannati all'immobilismo, come minimo fino a febbraio 2018 quando i lavori saranno terminati. Sperando che davvero sarà così”. (fdr)

 

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati