Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Alternativa Libera e Firenze Riparte a Sinistra aderiscono al presidio in solidarietà a Gabriele Del Grande, che si terrà alle 18 sul Ponte Santa Trinita a Firenze.
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

"Sottoscriviamo l’appello della mobilitazione #IoStoConGabriele che riportamo di seguito a nome dei due gruppi consiliari e saremo presenti all'appuntamento di oggi pomeriggio al quale invitiamo la cittadinanza a partecipare". Questa la dichiarazione dei capigruppo di Firenze riparte a sinistra Tommaso Grassi e di Alternativa Libera Miriam Amato.

 

“Il fermo e la detenzione di Gabriele Del Grande ci preoccupano e sono una violazione dei diritti di un cittadino italiano, che non ha commesso nessun reato. Gabriele Del Grande da anni si occupa del tema delle migrazioni, lo fa attraverso il suo mestiere, lo fa cercando di raccontare quella parte di mondo rappresentato da uomini e donne che cercano di scappare da guerre e che chiedono all'Unione Europea accoglienza e forse un destino diverso.

Non esiste motivo alcuno perché la Turchia lo tenga ancora in trattenimento e non abbia dato seguito alla sua scarcerazione e rientro in Italia.Gabriele è in isolamento ed ha iniziato uno sciopero della fame proprio per affermare i suoi diritti minimi.

La società civile italiana, la sua famiglia, i cittadini italiani così come le istituzioni italiane si stanno mobilitando e organizzando presidi in diverse piazze italiane perché la sua vicenda si concluda con la sua liberazione ed il suo rientro in patria subito.
La Turchia sta attraversando un momento molto delicato e deve dimostrare di essere un paese dove la democrazia è un principio inderogabile così come la garanzia ed il rispetto dei diritti umani, per tutti.

Chiediamo alle autorità turche la libertà immediata di Gabriele e chiediamo che la sua incolumità come quella di moltissimi altri intellettuali, giornalisti, attivisti trattenuti sia garantita e possa essere accertata dagli organismi internazionali”. (fdr)

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati