Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Marò, Gruppo PdL, Toccafondi, Totaro e coordinamento...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

09/03/2012
Marò, Gruppo PdL, Toccafondi, Totaro e coordinamento PdL Firenze: “Se Renzi e la sinistra si vergognano dei nostri militari, lo striscione lo esponiamo noi”
Esposto presso la sede del partito lo striscione “Salviamo i Marò”

“Se la sinistra a Firenze non ritiene di stare vicino ai nostri militari ingiustamente detenuti in India lo facciamo noi. Se Renzi e la sinistra non vuole mostrare la foto dei nostri Marò arrestati lo facciamo noi, nella speranza che cambino idea facendo prevalere buonsenso e ragionevolezza rispetto ad ideologia e schizofrenia di alcuni atteggiamenti”. Questo quanto dichiarato da Gabriele Toccafondi e Achille Totaro coordinatore e vice coordinatore cittadino del PdL di Firenze, il Sen. Paolo Amato e i consiglieri comunali di Firenze, nel momento in cui hanno esposto uno striscione dalle finestre della sede cittadina del PdL in viale Spartaco Lavagnini con la foto dei militari del reggimento San Marco in stato di fermo in India con la scritta “salviamo i nostri Marò”.
“Bene – hanno proseguito gli esponenti del PdL -, se il Comune di Firenze sostiene le campagne di sensibilizzazione dei cooperanti italiani rapiti nel mondo, siamo sempre stati a favore così come lo siamo se su Palazzo Vecchio è sistemato uno striscione per Rossella e Maria Sandra. Non capiamo però perché quando siamo noi a fare una proposta si debba ergere un muro ideologico da parte della sinistra. Inoltre non capiamo perché la maggioranza che sostiene Renzi rifiuti di lanciare un messaggio chiaro e netto in favore dei due nostri militari che sono ingiustamente detenuti.
Lunedì riporteremo la nostra richiesta in Consiglio comunale, e nelle sedi dei consigli di quartiere; l’esposizione della gigantografia dei due marò da Palazzo Vecchio è il simbolo della nostra vicinanza ai due militari.
Siamo convinti che il governo italiano debba continuare, così come sta facendo, a fare sentire a livello internazionale la sua voce con determinazione perché da tutelare ci sono i nostri militari impegnati su vari fronti internazionali; in questo senso dimostrare che anche la città di Firenze è vicina ai nostri militari aiuterà l’azione del Presidente del Consiglio e del Ministro degli Esteri”.
“Su Maria Sandra Mariani, di San Casciano, rapita il 2 febbraio 2011, Firenze e la Toscana devono fare molto di più. Come parlamentari toscani abbiamo più volte sollecitato con lettera al Ministro degli Esteri e in Aula durante l’assemblea della Camera l’intervento del Governo, continueremo a farlo con ancora più determinazione” hanno concluso gli esponenti del PdL.

(fdr)
 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati