Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Sindaco > Teatro dell’Opera e tramvie, firmata l’intesa tra Regione...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

18/09/2012
Teatro dell’Opera e tramvie, firmata l’intesa tra Regione e Comune
Il sindaco Renzi: “Lavoriamo insieme per il bene della Toscana e di Firenze”

Nuovo Teatro dell’Opera e sistema tramviario: sono questi i protagonisti del protocollo di intesa firmato oggi dal presidente della Regione Enrico Rossi e dal sindaco di Firenze Matteo Renzi “per la realizzazione di interventi strategici”. Un protocollo in otto punti a cui si è aggiunto anche un “verbale di accordo” che precisa gli impegni finanziari specifici assunti dalle parti.
“La firma di oggi è un’evidente dimostrazione che Regione e Comune possono lavorare insieme per il bene della Toscana e di Firenze - ha detto il sindaco Renzi - nonostante che io e il presidente Rossi abbiamo delle idee profondamente diverse sulle primarie. Entrambi abbiamo però il desiderio di mostrare questa collaborazione”. “Questo accordo riguarda il Teatro del Maggio e la tramvia - ha continuato il primo cittadino - ma più in generale riguarda un metodo di lavoro che abbiamo già visto all’opera, per esempio sulle questioni aeroportuali, e che mi auguro vedremo domani all’opera anche sui temi ospedalieri, come la grande questione di riuscire a finire i lavori di Torregalli”.
“Stiamo cercando di risolvere alcune questioni ferme da 40 anni - ha concluso Renzi -, che le nostre amministrazioni hanno scelto di portare a compimento”.
TEATRO DELL’OPERA
In relazione alla realizzazione di uno stralcio del secondo lotto del Teatro dell’Opera di Firenze (macchina scenica) dell’importo di 46 milioni la Regione Toscana si impegna ad identificare ed a mettere a disposizione risorse regionali per 21 milioni, il Comune di Firenze si impegna ad identificare ed a mettere a disposizione risorse comunali per 10 milioni. Regione e Comune di Firenze si impegnano congiuntamente a richiedere al Governo di identificare le restanti risorse necessarie.
TRAMVIE
Nel caso in cui l’opera non potesse entrare in esercizio ed essere rendicontata nei termini previsti dalla programmazione comunitaria, la Regione Toscana verificherà la possibilità di richiedere l’autorizzazione per uno stralcio così da evitare un eventuale disimpegno sui fondi europei disponibili pari a 36,6 milioni. Inoltre si impegna, qualora necessario, ad identificare risorse regionali alternative a quelle europee, destinando le risorse comunitarie ad altri scopi. Regione e Comune si impegnano a richiedere al Ministero di poter svincolare le somme accantonate per la realizzazione della tratta di passaggio al Duomo (pari a complessivi 35,2 milioni – le cui fonti sono così ripartite: 13,3 milioni Ministero infrastrutture, 10,6 milioni pubblici, 11,3 milioni privati), destinando tali fondi, oltre che al completamento della linea 2, all’integrazione della rete tramviaria a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio.
Il PROTOCOLLO
Ecco gli otto punti del protocollo di intesa.
1. La Regione Toscana ed il Comune di Firenze convengono sull’importanza del completamento del Sistema Tramviario e del Nuovo Teatro dell’Opera, interventi che rivestono carattere strategico per la città di Firenze, il territorio della Provincia di Firenze e l’intera Regione Toscana.
2. La Regione ed il Comune si impegnano a sostenere congiuntamente la richiesta nei confronti del Governo di deliberare in tempi rapidi il finanziamento dei lavori per il completamento del Nuovo Teatro dell’Opera.
3. La Regione ed il Comune concordano sulla necessità di individuare, con il concorso dello Stato, apposite risorse per il completamento definitivo del Nuovo Teatro dell’Opera. Il Comune di Firenze si impegna altresì per la realizzazione della Piazza Giardino, le sistemazioni esterne e per la realizzazione del parcheggio interrato in Piazza Vittorio Veneto nonché la risistemazione della piazza Vittorio Veneto stessa.
4. La Regione ed il Comune confermano i propri impegni economici assunti con gli accordi sopracitati per la realizzazione del sistema tramviario delle linee 2 e 3. Per quanto riguarda le problematiche relative alla conclusione dei lavori delle linee 2 e 3 della tranvia di Firenze in tempo utile a garantire la piena utilizzazione delle risorse ad essi destinate nell’ambito dei Fondi strutturali europei 2007-2013, concordano di effettuare congiuntamente un attento monitoraggio dello stato di avanzamento dei lavori. Qualora necessario la Regione si impegna a verificare la possibilità di individuare risorse alternative atte a garantire il mantenimento della copertura economica dell’intervento.
5. La Regione e il Comune concordano con l’importanza strategica di proseguire la realizzazione del sistema tramviario, mediante l’attraversamento del centro della città, la realizzazione della linea 4 (Leopolda Piagge), anche utilizzando il sedime ferroviario tra Cascine e Leopolda che RFI si è impegnata a cedere al Comune, la prosecuzione del tracciato della linea 3 fino a Bagno a Ripoli, la definizione a seguito di approfondimento con i Comuni interessati, dell’integrazione della rete tramviaria a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio.
6. La Regione ed il Comune si impegnano a richiedere al Ministero di poter svincolare le somme accantonate per la realizzazione della tratta di passaggio al Duomo (Unità – Duomo – San Marco – Libertà), così come previsto al sopracitato voto 428/211 e nella nota 10 marzo 2010, destinando tali fondi, se necessario, al completamento delle linee 2 tratta Aereoporto Peretola – Unità e della linea 3 tratta Careggi – Viale Strozzi e comunque, se tecnicamente fattibile sulla base dei contratti in essere, all’integrazione della rete tramviaria a Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio.
7. La Regione si impegna a valutare, sulla base di specifiche ipotesi progettuali predisposte dal Comune di Firenze, la possibilità di inserire lo sviluppo del Sistema Tranviario della città di Firenze e dell’area metropolitana all’interno del quadro degli interventi da finanziarie con il nuovo ciclo dei Fondi strutturali europei 2014-2020.
8. Il Comune di Firenze si impegna a redigere prioritariamente gli studi di fattibilità per la realizzazione della linea 4 ed integrazione della rete tramviaria per Sesto Fiorentino, in collaborazione con la Regione Toscana e con il Comune di Sesto Fiorentino. (fp)
 

Immagini e documenti allegati

Il sindaco Renzi e il presidente della Regione Rossi
Il sindaco Renzi e il presidente della Regione Rossi

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati