Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Alta Velocità, De Zordo (Perunaltracittà): «Subito...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

13/07/2009
Alta Velocità, De Zordo (Perunaltracittà): «Subito un consiglio comunale straordinario per valutare i nuovi progetti»
Primo atto rivolto al neopresidente Giani, sostenuto anche da Galli, Razzanelli e Spini

Una convocazione urgente del consiglio comunale, in seduta aperta e straordinaria, per discutere del progetto del nodo fiorentino dell’Alta Velocità ferroviaria. E' quanto chiesto oggi al neoeletto presidente del Consiglio comunale; hanno sottoscritto la richiesta di De Zordo anche i capogruppi delle opposizioni Giovanni Galli, Mario Razzanelli e Valdo Spini.
Per Ornella De Zordo: «E’ infatti evidente come il dibattito sul sottoattraversamento di Firenze e sulla stazione sotterranea dell’Alta Velocità abbia assunto negli ultimi mesi un intensità particolare, sia per la campagna elettorale appena conclusa che per l’imminenza dei possibili cantieri in città. In particolare sono emerse proposte progettuali alternative e di superficie che possono, se lette con l'attenzione dovuta, rimettere in discussione l’attuale progetto di sottoattraversamento.»
«Lo stesso Sindaco pare interessato a una verifica del progetto approvato, - ha continuato De Zordo. E’ perciò importante che il nuovo Consiglio Comunale possa conoscere e discutere del progetto esecutivo delle Ferrovie, attualmente all’esame dell’Osservatorio Ambientale, e dei progetti alternativi, proposti da tecnici e docenti universitari, prima che sia dato il via definitivo ai cantieri.»
«La sede opportuna per questa discussione è un Consiglio comunale in seduta straordinaria in cui siano invitati a intervenire e a dare il loro contributo il presidente dell’Osservatorio Ambientale e i proponenti dei progetti alternativi e di superficie, secondo quanto previsto dall'art.53 del Regolamento del Consiglio comunale. Si potrebbe anche verificare la possibilità di una sede diversa per i lavori di questo Consiglio, da prevedersi magari vicino all’area degli ex Macelli, in orario serale per favorire la massima partecipazione da parte dei cittadini».(fd)


 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati