Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Casaggì e Giovane Italia, Torselli e Scatarzi (PdL):...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

03/06/2010
Casaggì e Giovane Italia, Torselli e Scatarzi (PdL): “Chiudere i luoghi di spaccio e illegalità e promuovere le comunità giovanili”

“Rileviamo con enorme dolore il fallimento dell’ennesimo tentativo dell’amministrazione di centrosinistra di creare a Firenze spazi giovanili finalizzati al divertimento ed alla socializzazione. L’Estate Fiorentina offre da sempre pochissime opportunità ai ragazzi ed alle ragazze che restano in città durante i mesi più caldi, ma non è promuovendo spazi di illegalità, di spaccio e di abuso di alcol, come l’Anfiteatro delle Cascine, che si risolve il problema. Purtroppo la sinistra da sempre è sorda alle proposte di realizzazione di Comunità Giovanili autenticamente finalizzate alla promozione sociale, all’aggregazione, al divertimento ed anche alla valorizzazione artistica dei giovani”. Questa la dichiarazione di Francesco Torselli, consigliere del PdL e dirigente nazionale della Giovane Italia e di Marco Scatarzi, responsabile provinciale di Azione Giovani e Casaggì, il centro sociale di destra vicino alle posizioni del PdL.
“I giovani che chiedono spazi ed attenzioni – spiegano i due dirigenti giovanili del PDL – devono essere ascoltati, ma non è incentivando luoghi di illegalità diffusa e di sballo facile che si danno delle risposte. A Firenze non esistono luoghi dove si propone il divertimento e l’aggregazione giovanile su basi sane e soprattutto legali. Noi immaginiamo luoghi non controllati da Polizia e Guardia di Finanza dove si crea socializzazione, dove ci si può divertire ed al tempo stesso promuovere varie forme artistiche portate avanti da giovani: mostre di pittura, istallazioni e musica dal vivo. Luoghi dove l’alcol è consumato in maniera consapevole e dove le droghe sono messe al bando. Esiste pure una proposta di Legge del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni che va in questa direzione, ma a Firenze, evidentemente, si preferiscono luoghi come l’anfiteatro delle cascine”.
“Purtroppo – concludono Torselli e Scatarzi – questa nostra visione a Firenze è destinata a rimanere utopia, mentre sui giornali si continuano a leggere storie sconcertanti come quelle accadute la notte scorsa al Parco delle Cascine, laddove un 40enne sotto l’effetto di alcool e droga, per un errore di guida, ha spezzato la vita di un ragazzo di soli 17 anni”.
(fdr)
 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati