Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Palazzo Vecchio: da lunedì 24 riapre, per i visitatori...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

22/12/2001
Palazzo Vecchio: da lunedì 24 riapre, per i visitatori del Museo, l’ingresso principale di Piazza Signoria
Cambia l’accesso in Palazzo Vecchio per i visitatori del museo, siano essi fiorentini o no. Da lunedì 24 dicembre, infatti, riaprirà il portone sull’Arengario di Piazza Signoria. Quanti vorranno accedere al Museo potranno entrare da questo ingresso dove saranno in funzione un ‘Metal detector’ fisso e uno ‘palmare’, e attraverso un percorso segnalato, dal Cortile di Michelozzo arriveranno alla biglietteria del Museo. Il controllo sarà affidato agli agenti della Polizia Municipale, coadiuvati dal personale del museo. Dopo i tragici eventi dell’11 settembre scorso negli Stati Uniti, infatti, motivi di sicurezza avevano imposto la chiusura di tutti i portoni di Palazzo Vecchio, ad esclusione della Porta Carraia di Via dei Gondi. L’unico accesso creava, in alcuni momenti, qualche problema. ‘’Pensiamo di aver fatto un regalo di Natale ai visitatori del Museo ma anche agli stessi fiorentini che devono accedere agli uffici comunali’’, ha detto l’assessore al turismo e ai musei Stefano Bruzzesi. ‘’Dividere gli ingressi – continua l’assessore – consentirà una fruizione migliore per tutti del Palazzo dei ‘fiorentini’, ma che è anche uno dei musei civici più conosciuti nel mondo’’. L’accesso da Via dei Gondi, quindi, sarà riservato ai dipendenti comunali e a tutti coloro che vogliono andare negli uffici. La Porta Carraia, comunque, resterà a disposizione dei visitatori disabili che, altrimenti, avrebbero difficoltà dall’Arengario. (dm)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati