Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Toccafondi (ApF): «Che fine ha fatto la società che...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

29/12/2001
Toccafondi (ApF): «Che fine ha fatto la società che doveva gestire il patrimonio immobiliare pubblico?»
Che fine ha fatto la società che doveva gestire il patrimonio immobiliare pubblico? La domanda l’ha posta, in una interrogazione, il capogruppo di Azione per Firenze Gabriele Toccafondi. «Sono già trascorsi nove mesi - scrive Toccafondi - dall’approvazione, in Consiglio comunale, della convenzione per la costituzione della “livello ottimale d'ambito dell'edilizia residenziale pubblica». «E’ anche stato firmato un protocollo di intesa tra comuni e regione - prosegue l’interrogazione - che prevedeva che entro il 31 dicembre sarebbe stata firmata la convenzione e attivata la società per azioni. Ma i 33 comuni fiorentini sono ancora in attesa della delibera regionale relativa ai criteri di scioglimento delle singole aziende dell’edilizia territoriale, senza la quale non è possibile procedere con la firma della convenzione». «Senza la decisione della Regione - sottolinea il capogruppo di Azione per Firenze - non risulta possibile dare certezze agli inquilini ed ai dipendenti delle vecchie aziende territoriali per l’edilizia residenziale». Per questo Toccafondi chiede di sapere «se risultano in programma delibere della Regione Toscana in merito allo scioglimento delle Ater», «se ci sono stati ritardi incomprensibili e perché non sono stati "denunciati" pubblicamente», «se si prevede l'attivazione in tempi brevi della spa», «quali sono i motivi che hanno portato a questi ritardi» e, infine, «in che modo si sta rispondendo alle legittime preoccupazione degli inquilini». (fn) Questo il testo dell'interrogazione: DATA: 29 dicembre 2001 TIPOLOGIA: interrogazione urgente con risposta in aula considerato il problema SOGGETTI PROPONENTI: Gabriele Toccafondi OGGETTO: In meito alla convenzione della LODE fiorentina IL SOTTOSCRITTO CONSIGLIERE COMUNALE - Vista la deliberazione n° 345/01 relativa all'approvazione della Convenzione per la costituzione della LODE fiorentina (Livello Ottimale d'Ambito dell'Edilizia Residenziale Pubblica) di cui all'art. 6 della Legge Regionale 77/98; - Considerato che la delibera fu votata dal Consiglio Comunale in data 23 marzo 2001 e che sono trascorsi già nove mesi dalla votazione e considerato che ci saranno stati numerosi contatti tra Comuni e Regione per la verifica dello stato di avanzamento della convenzione; - Considerato che nella convenzione ai punti 3.2 e 3.3 si prevede che la Conferenza LODE sia costituita dai Sindaci dei Comuni partecipanti o da delegati e che questi riferiscono in Consiglio circa le attività svolte; - Appreso che come da dibattito consiliare, il Comune di Firenze ha assecondato una disposizione regionale in merito così come hanno fatto altri 32 comuni dell'area fiorentina; - Dato che è stato firmato un protocollo di intesa tra comuni e regione che prevedeva che entro il 31 dicembre sarebbe stata firmata la Convenzione e attivata la SpA; - Appreso che i 33 Comuni fiorentini sono ancora in attesa della delibera regionale relativa ai criteri di scioglimento delle singole ATER, senza la quale non è possibile procedere con la firma della convenzione e che quindi è ancora lontana la firma della Convenzione e la attivazione della SpA; - Datoi che senza la decisione della Regione non risulta possibile dare certezze agli inquilini e anche ai dipendenti delle ATER; SI CHIEDE AL SINDACO Se risultano in programma delibere della Regione Toscana in merito allo scioglimento delle ATER, quali i motivi che hanno portato la Regione Toscana a non procedere a quanto disposto nella Legge Regionale 77/98; Se ci sono stati ritardi incomprensibili perché non sono stati "denunciati" pubblicamente. Se si prevede l'attivazione in tempi brevi della SpA, quali i motivi che hanno portato a questi ritardi; In che modo si sta rispondendo alle legittime preoccupazione degli inquilini. Gabriele Toccafondi

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati