Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Altro > Unesco, una mostra per la campagna in difesa del patrimonio...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

26/12/2015
Unesco, una mostra per la campagna in difesa del patrimonio in pericolo
All'Accademia delle Arti del Disegno fino al 31 gennaio

Il Comune di Firenze e l'Accademia delle Arti del Disegno, in collaborazione con CAMNES - Center for Ancient Mediterranean and Near Easter Studies di Firenze e altre istituzioni nazionali e internazionali hanno deciso di dare vita, tra dicembre 2015 e maggio 2016, a una serie di iniziative a sostegno della campagna UNESCO #Unite4Heritage http://www.unite4heritage.org/ per la difesa del patrimonio in pericolo. L'ideazione e il coordinamento è di Carlo Francini responsabile dell'Ufficio UNESCO del Comune di Firenze, in collaborazione con Giulia Coco e Enrico Sartoni dell'Accademia delle Arti del Disegno e Stefano Valentini di CAMNES.
In una prospettiva storica, la prima di queste iniziative prende spunto dall'occasione di celebrare i 200 anni esatti dal ritorno a Firenze delle opere d’arte trafugate da Napoleone Bonaparte tra il 1799 e il 1813.
Da lunedì 21 dicembre l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze ospiterà, con il titolo “Firenze 1815. Il ritorno di Venere”, un laboratorio-esposizione e una serie di eventi aperti al pubblico, dedicati ai pericoli che il nostro patrimonio corre nei periodi di guerra, con l’obiettivo di illustrare e sensibilizzare il grande pubblico su un tema noto a studiosi e specialisti ma poco conosciuto alla collettività.
I drammatici prelevamenti di dipinti e sculture provenienti da Palazzo Pitti, dagli Uffizi e dai conventi soppressi, e il loro ritorno in città il 27 dicembre 1815, grazie all’opera degli accademici Giovanni Degli Alessandri e Pietro Benvenuti, saranno ricordati nelle conferenze di Chiara Pasquinelli e Gabriele Paolini il 21 dicembre e nel laboratorio-esposizione presso la saletta esposizioni di Palazzo de’ Beccai.
Laboratorio-esposizione che, attraverso documenti, opere e apparati didattici, ricostruirà le complesse vicende delle requisizioni operate dall’esercito francese e da Dominique Vivant Denon, direttore del Musée Napoleon, con una particolare attenzione alla Venere Medici degli Uffizi, icona del patrimonio artistico toscano trafugato, qui illustrata con un ricco apparato iconografico, anche dell’epoca.
Bramata dallo stesso Napoleone per il completamento dell’ala di scultura antica del suo Musée e sottratta dai francesi con l’inganno nel 1802, l’antica statua rappresenta infatti l’emblema dei rischi ai quali il patrimonio culturale è costantemente soggetto, soprattutto in particolari momenti storici.
Per il mese di Gennaio sono previste altre conferenze dedicate a Firenze nel periodo francese e all’approfondimento delle figure di Giovanni Degli Alessandri e Pietro Benvenuti, tenute da studiosi e specialisti quali Giovanni Cipriani, Francesco Vossilla, Liletta Fornasari e Antonella Gioli e la declamazione di sonetti e odi composte nel 1816, in occasione del ritorno delle opere a Firenze.
L’iniziativa si concluderà il 31 gennaio 2016.


Firenze 1815. Il ritorno di Venere.
21 dicembre 2015-31 gennaio 2016
Accademia delle Arti del Disegno, via Orsanmichele 4, Firenze

 

Apertura del laboratorio-esposizione dal 21 dicembre 2015 al 31 gennaio2016, orario lunedì 10-12.30/14.30-17, mercoledì 10-13. Sono previste aperture straordinarie. Ingresso libero.


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati