Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > Castello, De Zordo: «Il parco è un bluff e mette in...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

01/03/2007
Castello, De Zordo: «Il parco è un bluff e mette in ombra il grande affare per Ligresti»
Questo il testo dell'intervento di Ornella De Zordo, capogruppo di Unaltracittà/Unaltromondo: «Il progetto del Parco nell'area di Castello mette in ombra il grande affare edilizio di Ligresti, "patron" di Fondiaria, ed è un grande bluff perchè verrebbe a costare 25 milioni di euro, quando sappiamo che la Fondiaria ne sborserà al massimo solo 10, pagati con soldi pubblici a scomputo degli oneri di urbanizzazione, e a condizione di costruire tutto l'edificato previsto, palazzi di Regione e Provincia compresi. Il grande problema di Castello non è la progettazione più o meno "sostenibile" dell'area a parco, che, è bene ricordare, è un'area residuale fra l'aeroporto e le costruzioni, comunque non edificabile per i vincoli aeroportuali. Il grande problema di Castello è l'intervento stesso, che è dannoso, perchè occupa l'unica area ancora libera nel territorio comunale con una cementificazione pesantissima, saturando l'agonizzante piana fiorentina e contraddicendo le direttive regionali che prevedono di limitare nuovi consumi di suolo. Inoltre è un'intervento di nessuna utilità perchè questa città è in costante e notevole calo di abitanti, con in lista di attesa per un alloggio popolare oltre 4.000 famiglie che mai potranno accedere ai 1500 nuovi alloggi di Castello, di cui quasi tutti a libero mercato. La Regione e la Provincia, poi, non hanno problemi tali da giustificare un nuovo insediamento di queste dimensioni e, in caso di bisogno, perchè non riqualificano l'esistente? Infine, l'idea del presidente Renzi di costruire un "campus" di scuole secondarie è grottesca. Si toglierebbe in tal modo la presenza dei ragazzi in città, liberando sedi centrali probabilmente per altri e più remunerativi utilizzi, con una sorta di "migrazione di massa" quotidiana di migliaia di ragazzini verso Castello e ritorno, desertificando peraltro tutto il complesso dalle 14 in poi. Una volta eliminati dalla città gli univesitari e gli studenti medi, dopo aver spostato i servizi e non difeso la residenza originaria, quale è l'idea? Destinare definitivamente Firenze solo ai turisti, alle fiere e alla residenza di lusso?». (fn)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati