Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > De Zordo (Unaltracittà): «La corte dei conti con i...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

30/12/2008
De Zordo (Unaltracittà): «La corte dei conti con i cittadini, l'Alta Velocità devasta il bilancio dello Stato»
«La denuncia su quanto l'Alta Velocità sia devastante per il bilancio dello Stato trova una conferma autorevole nell'ultima relazione della sezione centrale di controllo della corte dei conti: la Tav, che serve attualmente meno del 5% dei passaggi ferroviari in Italia, rappresenta un'operazione di 'cosmesi contabile', costi caricati in maniera iniqua sulle generazioni future fino al 2060, una gestione finanziaria approssimativa, scelte politiche non efficienti e scelte contabili che sembrano fatte apposta per ingenerare confusione. E, da ultimo, 44 miliardi di debiti contratti dalle Ferrovie e accollati allo Stato nonostante la vecchia holding sia stata ufficialmente privatizzata fin dal 1992». E' quanto sottolinea Ornella De Zordo, capogruppo di Unaltracittà/Unaltromondo. «Denunciamo da almeno quattro anni - ha ricordato l'esponente dell'opposizione - quanto l'alta velocità ferroviaria sia dannosa per i conti pubblici. Oggi arriva la conferma della Corte dei Conti che sottolinea l'ennesimo fallimento di una privatizzazione e l'ennesimo saccheggio alle tasche dei cittadini italiani, basti pensare che la prossima finanziaria triennale raggiunge i 39 miliardi di euro: un intero paese va avanti per tre anni ad un costo inferiore agli sprechi della Tav, che hanno l'aggravante di indebitare le future generazioni per cinquant'anni». «Una responsabilità grande in questo contesto è a carico di Comune e Provincia di Firenze e di Regione Toscana - ha rilevato Ornella De Zordo - che testardamente si ostinano a voler costruire un sottoattraversamento inutile e dannoso sotto la città. Un progetto faraonico che costa oltre sei volte l'attraversamento di superficie che però è osteggiato oltremisura dalle amministrazioni locali e fulcro invece della proposta dei cittadini organizzati nel Comitato contro il sottoattraversamento. Non bastano un paio di vetrate sui cantieri, come annunciato dall'assessore Riccardo Conti, a rendere trasparente un'opera inutile, dannosa per l'ecosistema e dai costi esagerati che favoriranno anche qualche cooperativa edile nell'immediato, ma che costringeranno le future generazioni a pagare i debiti di una classe politica inadeguata e improvvisata». (fn)

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati