Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Consiglio > 11 interrogazioni di Stella (FI-Pdl) e Alessandri (AN-PdL)...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

30/12/2008
11 interrogazioni di Stella (FI-Pdl) e Alessandri (AN-PdL) su Firenze parcheggi: «Il Comune faccia chiarezza su piano industriale e strategie della società»
Undici interrogazioni sono state presentate dai consiglieri Marco Stella (FI-PdL) e Stefano Alessandri (AN-PdL) su Firenze parcheggi. Si parte dal piano industriale che ieri è stato presentato alla stampa dal presidente della società, Alessandro Lo Presti. «Ci devono anzitutto spiegare – hanno commentato i due esponenti del centrodestra – perché il piano, redatto dalla LeM Consulting è arrivato solo il 29 dicembre invece del 30 settembre, come annunciato in precedenza. Un ritardo, questo, che potrebbe avere pesanti ripercussioni sulla società». «Il presidente di questa partecipata, Alessandro Lo Presti – hanno aggiunto - ha dichiarato che Firenze Parcheggi uscirà dalla crisi grazie anche ad “una stretta collaborazione con l’amministrazione comunale che dovrà definire gli obiettivi attesi dell’ente pubblico socio di maggioranza relativa nonché le nuove politiche della sosta e della mobilità che influenzano in modo determinante l’utilizzo dei parcheggi di struttura”. Vorremmo quindi conoscere quali sono gli obiettivi del Comune di Firenze e se l’amministrazione è in procinto di attuare nuove politiche della sosta e della mobilità». «Quanto al bilancio – sottolineano Stella e Alessandri - il piano prevede che, senza interventi, la perdita per i prossimi tre anni si attesterà sui 1,5 milioni di euro. Se viceversa dovesse essere attuato, l’utile a fine triennio è stimato in 779 mila euro. Più 1milione e 300 mila euro in caso di revisione dei canoni pagati a Firenze Mobilità”. Quali sono dunque gli interventi contenuti nel piano industriale che dovrebbero portare la società in utile nei prossimi anni? Per ridurre le perdite sarebbero opportuni tagli agli stipendi degli amministratori. Il piano industriale lo prevede? E, in caso negativo, l’amministrazione non ritiene opportuno ridurre i compensi di amministratori che portano le società partecipate in perdita». «Ancora non si è capito – secondo i due consiglieri del PdL - se il piano industriale presentato prevede il risanamento anche tramite l’aumento delle tariffe dei parcheggi. Se così sarà l’amministrazione comunale, ovvero il socio di maggioranza, dovrà spiegare su quali parcheggi si pensa di aumentare le tariffe e soprattutto, dovrà dire chiaramente se condivide questa scelta». «Vogliamo poi chiarimenti – hanno proseguito – sulla scelta di affidare alla LeM Consulting il compito di redarre il piano industriale. Firenze Parcheggi ha indetto una gara, scegliendo l’offerta economicamente più vantaggiosa? E’ indispensabile anche sapere se sono stati dipendenti o collaboratori della società LeM Consulting o società ad essa collegate attuali dipendenti o membri del consiglio di amministrazione o del collegio sindacale della Firenze parcheggi». «Il presidente Lo Presti – si ricorda nelle interrogazioni – ha anche dichiarato che Firenze Parcheggi che una delle strade da seguire per superare la crisi dovrà essere “la risoluzione della questione relativa ai parcheggi del project financing, quelle strutture che attualmente dimostrano grande criticità di fruizione e pesano nel bilancio aziendale portandolo al saldo negativo”. Sono 4 i parcheggi costruiti da Firenze Mobilità e dati in concessione alla Firenze Parcheggi attraverso il pagamento di un canone e peraltro quest’ultima avrebbe già chiesto una revisione dei suddetti canoni a Firenze Mobilità. L’amministrazione era al corrente di ciò? Concorda con questa decisione? E’ possibile rivedere i canoni di concessione dei parcheggi costruiti in project? E, infine, quali potrebbero essere le conseguenze di una revisione dei canoni di concessione di questi parcheggi?». (fn) Queste le interrogazioni: INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi redatto dalla LeM Consulting PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL, Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Considerato che suddetto piano industriale è stato commissionato alla società LeM Consultino; Appreso dalla stampa che suddetto piano industriale è costato 50mila euro. INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se per redarre il piano industriale la società Firenze Parcheggi ha indetto una gara; Chi ha partecipato alla gara; Se quella presentata dalla società LeM Consulting era l’offerta economicamente più vantaggiosa; Quanto è costato il piano industriale della LeM Consultino; Se sono stati dipendenti o collaboratori della società LeM Consulting o società ad essa collegate attuali dipendenti o membri del Consiglio di amministrazione o del collegio sindacale della Firenze Parcheggi. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al ritardo della presentazione del piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENETI: Marco Stella FI-PDL, Stefano ALessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Considerato che suddetto piano industriale è stato commissionato alla società LeM Consultino; Visto che le linee strategiche di suddetto piano industriale sono state approvate dal CDA della Firenze parcheggi nel luglio 2008; Preso atto che il Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti aveva annunciato alla stampa la presentazione del piano industriale per il 30 settembre 2009 INTERROGANO IN SINDACO PER SAPERE Perché il piano industriale è stato presentato soltanto il 29 dicembre del 2008; Quali sono le cause che hanno fatto slittare la presentazione del paino industriale dal 30 settembre al 29 dicembre; Quali saranno le ripercussioni sulla società dovute al ritardo della presentazione del piano industriale. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per sapere il giudizio dell’Amministrazione Comunale in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Considerato che suddetto piano industriale è stato commissionato alla società LeM Consultino; Considerato che le linee strategiche sono state approvate dal CDA della Firenze Parcheggi nel luglio del 2008; Considerato che il Comune di Firenze detiene il 49,47% delle azioni della Firenze Parcheggi risultandone quindi il maggior azionista; Visto che il Comune di Firenze nomina 4 consiglieri del CDA della Firenze Parcheggi tra cui il Presidente e il Vicepresidente INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se prima di approvare le linee strategiche i membri del CDA di nomina del Comune di Firenze hanno presentato le linee al il Comune di Firenze ed particolare all’Assessore alle partecipate Tea Albini; In caso affermativo che tipo di giudizio ha dato l’Assessore Albini. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL ; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che il Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti ha dichiarato che Firenze Parcheggi S.p.A. uscirà dalla crisi proseguendo tre strade, una di queste, dovrà essere “una stretta collaborazione con l’amministrazione comunale che dovrà definire gli obiettivi attesi dell’Ente pubblico socio di maggioranza relativa nonché le nuove politiche della sosta e della mobilità che influenzano in modo determinante l’utilizzo dei parcheggi di struttura” INTEROGANO IL SINDACO PER SAPERE Quali sono gli obiettivi del Comune di Firenze in merito alla Firenze Parcheggi; Se il Comune di Firenze è in procinto di attuare nuove politiche della sosta e della mobilità. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che il piano industriale dura tre anni; Considerata la grave crisi della Firenze Parcheggi, che chiuderà il 2008 con una perdita di bilancio INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Perché è stato fatto un piano industriale di soltanto tre anni; Considerata la grave crisi della Firenze parcheggi se non si riteneva più opportuno fare un piano industriale di almeno 5 anni. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che il Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti ha dichiarato che Firenze Parcheggi S. p A. uscirà dalla crisi proseguendo tre strade, una di queste, dovrà essere “la risoluzione della questione relativa ai parcheggi del project financing, quelle strutture che attualmente dimostrano grande criticità di fruizione e pesano nel bilancio aziendale portandolo al saldo negativo”; Considerato che sono 4 i parcheggi costruiti da Firenze Mobilità e dati in concessione alla Firenze Parcheggi attraverso il pagamento di un canone; Appreso dal comunicato della Firenze Parcheggi del 29.12.2008 che la società avrebbe già chiesto una revisione dei suddetti canoni a Firenze Mobilità INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se era a conoscenza della richiesta della Firenze Parcheggi formulata a Firenze Mobilità di rivedere i canoni di concessione dei parcheggi costruiti in project; In caso affermativo se condivide suddetta richiesta; Se è possibile rivedere i canoni di concessione dei parcheggi costruiti in project; Quali potrebbero essere le conseguenze di una revisione dei canoni di concessione di suddetti parcheggi. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che il Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti ha dichiarato che Firenze Parcheggi spa uscirà dalla crisi proseguendo tre strade, una di queste, dovrà essere “la concentrazione sul core business, il cambiamento di immagine del servizio e del confort dei parcheggi, l’attenzione al cliente e l’offerta di servizi aggiuntivi alla mera sosta, che potrebbero consentire di acquisire ulteriore e diversa domanda inevasa”; Appreso dalla stampa che l’amministratore delegato della Firenze Parcheggi Certosi ha dichiarato; “ e’ dal 2004 che Firenze Parcheggi non aumenta le tariffe, abbonamenti a parte, adeguate all’istat. Eppure il project lo prevede”; Visto che il bilancio della Firenze parcheggi chiuderà anche nel 2008 con una perdita INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se il piano industriale presentato prevede il risanamento della Firenze Parcheggi anche tramite l’aumento delle tariffe dei parcheggi; In caso affermativo su quali parcheggi si pensa di aumentare le tariffe; In qualità di socio di maggioranza della Firenze parcheggi se il Comune di Firenze condivide la scelta di aumentare le tariffe nei parcheggi. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERRGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella; Stefano Alessandri Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che il Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti ha dichiarato che Firenze Parcheggi S. p. A uscirà dalla crisi proseguendo tre strade, una di queste, dovrà essere “la risoluzione della questione relativa ai parcheggi del project financing, quelle strutture che attualmente dimostrano grande criticità di fruizione e pesano nel bilancio aziendale portandolo al saldo negativo”; Considerato che sono 4 i parcheggi costruiti da Firenze Mobilità e dati in concessione alla Firenze Parcheggi attraverso il pagamento di un canone; Considerato che la concessione di suddetti parcheggi prevede anche una durata temporale INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se il Piano industriale della Firenze Parcheggi prevede una rinegoziazione della durata della concessione; Se è possibile rivedere la durata della concessione dei parcheggi costruiti in project; Quali potrebbero essere le conseguenze di una revisione della durata della concessione di suddetti parcheggi. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 Interrogazione con risposta scritta OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella; Stefano Alessandri Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011 Preso atto che solitamente i piani industriali si fanno per riportare le società in utile Lette le dichiarazioni del Presidente della Firenze Parcheggi Alessandro Lo presti che in merito al piano industriale dice: “ Il piano prevede che, senza interventi, la perdita per i prossimi tre anni si attesterà sui 1,5 milioni di euro. Se viceversa dovesse essere attuato, l’utile a fine triennio è stimato in 779 mila euro. Più 1milione e 300 mila euro in caso di revisione dei canoni pagati a Firenze Mobilità” Considerato che l’anno 2008 la Firenze Parcheggi chiuderà con una perdita INTERROGA IL SINDACO PER SAPERE Quali sono gli interventi contenuti nel piano industriale che dovrebbero portare la Firenze Parcheggi in utile nei prossimi anni Quali potrebbero essere i motivi per non applicare gli interventi contenuti nel piano industriale INTERROGAZION CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Preso atto che la semestrale di bilancio della Firenze Parcheggi evidenziava una perdita di 870mila euro; Considerato che la perdita preventivata per il 2008 per la Firenze Parcheggi era stimata intorno a 1milione e 500 mila euro; Appreso dalle dichiarazione dell’amministratore delegato Certosi che la perdita per il 2008 sarà di circa 700-750 mila euro INTEROGANO IL SINDACO PER SAPERE A quanto ammonta la perdita per il 2008 della Firenze Parcheggi. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008 INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA OGGETTO: Interroga il sindaco per avere informazioni in merito al piano industriale di Firenze Parcheggi PROPONENTI: Marco Stella FI-PDL; Stefano Alessandri AN-PDL Appreso dalla stampa cittadina che la società Firenze Parcheggi ha presentato il piano industriale 2009-2011; Appreso dalle dichiarazione dell’amministratore delegato Certosi che il 2008 la Firenze Parcheggi chiuderà con una perdita; Considerato che lo stipendio del Presidente della Firenze Parcheggi ammonta a 42.000 euro l’anno più il gettone di presenza per ogni CDA; Considerato che lo stipendio del Vicepresidente ammonta a 11.000 euro l’anno più il gettone di presenza per ogni CDA; Considerato che lo stipendio dell’Amministratore delegato ammonta a 62.000 euro l’anno; Considerato che i costi per gli organi sociali sono stimati nel revisionale 2008 in 175.180 euro; Considerato necessario un risanamento della società INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE Se nel piano industriale 2009-2001 al fine del contenimento delle perdite sono previsti tagli agli stipendi degli amministratori; In caso negativo se non ritiene opportuno ridurre i compensi di amministratori che portano le società partecipate dal comune in perdita. Marco Stella Stefano Alessandri Firenze, 30 dicembre 2008

«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati