Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Sindaco > Erp, Menarini ristruttura altri 10 alloggi. Potranno...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

12/12/2014
Erp, Menarini ristruttura altri 10 alloggi. Potranno essere assegnati già nella primavera del 2015
Il sindaco Nardella: “Importante operazione che ha un fine sociale e che dimostra come la collaborazione tra pubblico e privato può puntare sull’interesse collettivo”

Altri dieci alloggi di edilizia residenziale pubblica saranno completamente recuperati dalla Menarini, prima azienda farmaceutica italiana nel mondo, e potranno essere assegnati già nella primavera del 2015 a famiglie che hanno perduto la propria abitazione non essendo più in grado di pagare l’affitto a causa delle difficoltà economiche sopravvenute con la crisi.
Gli appartamenti collocati nei Quartieri 2, 3 e 5 vanno ad aggiungersi ai dieci ristrutturati lo scorso anno in via Rocca Tedalda dal gruppo farmaceutico e già assegnati ad altrettante famiglie. Si tratta, tranne in un caso, di alloggi di circa 30 metri quadrati (si va da 31 circa a 37 circa) e 40 metri quadrati (da 44 a 46 circa).
Il progetto, in collaborazione con Casa s.p.a. (gestore del patrimonio di edilizia residenziale pubblica dell’area fiorentina) consentirà il ripristino di impianti elettrici, meccanici e termo-sanitari, la sostituzione di rivestimenti nelle cucine e nei bagni e la revisione e sostituzione degli infissi degli appartamenti.
Il progetto è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio dal sindaco Dario Nardella, dall’assessore alla casa Sara Funaro, dal presidente e dal vicepresidente del Gruppo farmaceutico Menarini Lucia e Alberto Giovanni Aleotti e dal direttore generale del gruppo farmaceutico dottor Domenico Simone.
“Innanzitutto vorrei ringraziare la famiglia Aleotti e l’azienda Menarini perché questa non è un’operazione di marketing - ha detto il sindaco Nardella - ma un’operazione per Firenze che ha un fine sociale e che serve alla città perché consente di dimostrare come la collaborazione tra pubblico e privato possa andare oltre i semplici interressi specifici dell’uno o dell’altro, puntando all’interesse collettivo della nostra città”.
“Il progetto di Menarini è il più importante progetto di riqualificazione di edilizia popolare che vede la collaborazione tra pubblico e privato - ha spiegato il sindaco -. Per noi il patrimonio Erp è molto importante e abbiamo un piano ambizioso legato alla vendita, sulla base della legge regionale 5/2014, di 1.249 alloggi Erp il cui ricavato sarà interamente reinvestito sul patrimonio popolare. Piano che intendiamo integrare con soluzioni di housing sociale negli immobili dismessi della nostra città ”. “La nostra attenzione per l’edilizia popolare è massima e abbiamo una strategia di lungo periodo perché sappiamo che per l’emergenza casa le soluzioni devono essere strutturali - ha aggiunto -. Gli appartamenti ristrutturati da Menarini si trovano in periferia, è un gesto di attenzione le zone non centrali della città, e li consegneremo alle famiglie bisognose che provengono dalla graduatoria generale Erp e dalla graduatoria sociale - ha concluso il sindaco -. Gli alloggi assegnati fino ad oggi a Firenze vanno per l’85% a cittadini italiani, per il 5% a cittadini comunitari e il 10% a cittadini extracomunitari”.
“La crisi economica ha colpito e lasciato senza casa molte famiglie - hanno sottolineato Alberto e Lucia Aleotti -. Anche quest’anno il Gruppo Menarini dà un segno concreto di supporto alla sua città, e con questi 10 interventi, che si sommano ai 10 dello scorso anno, presidente del Gruppo Menarini porta a 20 i ‘tetti confortevoli’ resi disponibili per le famiglie fiorentine in difficoltà”. (fp)

In allegato un’immagine
 

Immagini e documenti allegati


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati