Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Centri scolastici invernali: 76 bambini iscritti al...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

29/12/2011
Centri scolastici invernali: 76 bambini iscritti al primo periodo e 68 al secondo
Quest’anno cinque istituti aperti dal 27 al 30 dicembre e dal 2 al 5 gennaio

Sono 76 (per il primo periodo) e 68 (per il secondo) i bambini iscritti ai centri scolastici invernali, il progetto dell’assessorato all’educazione che vede aperte, dal 27 al 30 dicembre e dal 2 al 5 gennaio, cinque scuole primarie: Vittorio Veneto (Quartiere 1), Andrea del Sarto (Quartiere 2), Kassel (Quartiere 3), De Filippo (Quartiere 4) e Mameli (Quartiere 5)
Le iscrizioni più numerose alla Mameli con 26 alunni che frequentano il primo ciclo e 23 che parteciperanno al secondo, poi c’è la De Filippo rispettivamente con 16 e 13 iscritti, la Vittorio Veneto con 15 e 12 iscritti, l’Andrea Del Sarto con 10 e 8 e, infine, la Kassel con 9 e 12.
L’orario del servizio va dalle ore 8.30 alle ore 16.30, con flessibilità di entrata fino alle 9 e con possibilità di uscita anticipata alla ore 14.30.
I soggetti gestori sono gli stessi che hanno svolto i centri estivi nelle stesse scuole o comunque in istituti scuole dello stesso Quartiere. Al mattino i programmi prevedono, per lo più, uscite per attività sportive (pattinaggio su ghiaccio o piscina) ma anche visite, con gli scuolabus comunali, al Museo dei Ragazzi di Palazzo Vecchio o alle ludoteche. Al pomeriggio, invece, sono previsti laboratori e giochi.
Il servizio mensa è gestito dalla ditta Camst
Il costo del servizio è differenziato in 13 tariffe articolate in base alle fasce Isee già definite per i servizi di supporto alla scuola.
«Abbiamo voluto trasformare in un progetto organico l’esperimento ideato lo scorso anno – ha spiegato l'assessore all'educazione Rosa Maria Di Giorgi – durante le vacanze di Natale si ripresenta per molti genitori il problema dell’affidamento dei figli: molti di loro lavorano e magari non possono fare affidamento su nonni e zii né sostenere i costi elevati di una baby sitter. Da qui la scelta dell’amministrazione comunale di sostenere le famiglie con un servizio che garantisce ai bambini un posto sicuro dove giocare e imparare sotto la guida di educatori qualificati». (fn)


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati