testata per stampa
Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

English Version
GEOmobi 055055

GEOmobi

Infomobilità, ZTL, Parcheggi, Lavaggio strade in tempo reale

Trova Firenze

Trova Firenze

I luoghi della Città: Sedi, Uffici, Musei, Seggi elettorali....

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Passerella dell’Isolotto, l’assessore Giorgetti replica...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

14/11/2017
Passerella dell’Isolotto, l’assessore Giorgetti replica al consigliere Torselli

“Prima di lanciare accuse il consigliere Torselli farebbe bene a studiare come funziono gli appalti e i contratti. Altrimenti rischia di parlare a caso come è accaduto per la passerella dell’Isolotto”. È quanto dichiara l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti replicando all’esponente di Fratelli d’Italia in consiglio comunale. “Ieri ho spiegato al consigliere come stanno le cose ma evidentemente preferisce far finta di non capire. Comunque ribadisco che i ritardi nei lavori sono imputabili all’impresa e non al Comune. L’Amministrazione in questo frangente può intervenire in un solo modo, ovvero rescindere il contratto e procedere con un nuovo affidamento con tutto quello che ne consegue a livello di ritardi per la fine dei lavori. Per quanto riguarda le penali, come ho spiegato saranno applicate ma possono essere conteggiate soltanto al termine delle lavorazioni perché, come prevede il codice degli appalti, soltanto quando è chiuso il cantiere posso stabilire i giorni di ritardo” conclude l'assessore Giorgetti. (mf)
 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati

Licenza Creative Commons Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006