Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Ex Stazione Leopolda, pubblicato il bando per l’acquisizione...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

30/12/2016
Ex Stazione Leopolda, pubblicato il bando per l’acquisizione del capitale necessario all’acquisto da parte dell’Amministrazione
Il soggetto privato individuato metterà a disposizione le risorse le risorse e provvederà alle spese di manutenzione. Nessuna spesa per il Comune

Un nuovo passo verso l’acquisizione dell’ex Stazione Leopolda da parte dell’Amministrazione comunale. Oggi è stato pubblicato sulla rete civica il bando per l’acquisizione del capitale necessario mediante anticipazione dei futuri canoni concessori, come previsto dalla delibera approvata nel giugno scorso dal consiglio comunale. Lo schema di bando ha avuto il via libera dell’attuale proprietà (FS Sistemi Urbani) e arriva dopo il parere positivo sulla congruità del valore di cessione da parte dell’Agenzia del Demanio, arrivato il 21 dicembre. Il valore è stato fissato in 7.200.000 euro. Il bando prevede inoltre in 25 anni la durata massima della concessione,  l’obbligo per il concessionario di occuparsi della manutenzione ordinaria e straordinaria e di mettere a disposizione la struttura per eventi organizzati o promossi dal Comune per non meno di 36 giornate all'anno.
"Il bando pubblicato oggi ¬– sottolinea l’assessore al patrimonio immobiliare Federico Gianassi – rappresenta un nuovo importante passaggio della procedura che consentirà all’Amministrazione comunale di accrescere il proprio patrimonio diventando proprietaria di un immobile di interesse pubblico, già con destinazione urbanistica ad usi culturali ed espositivi e tutelato dalla Soprintendenza e che rappresenta un elemento fondamentale per la costituzione di un polo culturale-fieristico insieme al Teatro dell’Opera e alla Fortezza inserito nel programma di mandato. E tutto questo senza un esborso diretto da parte delle casse comunali, come viene specificatamente scritto nero su bianco. Si tratta quindi del raggiungimento di un doppio obiettivo particolarmente importante per l'Amministrazione e la città”.
Il bando riprende quanto specificato nella delibera approvata da giunta e consiglio comunale in merito ai criteri di valutazione dell’offerta più conveniente, ovvero: “la coerenza della proposta di uso dell’immobile, con l’indicazione delle attività da svolgervi, con la volontà dell’Amministrazione di mantenere l’identità e la vocazione dell’immobile stesso, ormai noto come riferimento nazionale per attività culturali, congressuali, espositive e di spettacolo”; “il numero di giornate complessive non inferiore a 36 annue, per le quali nella proposta di uso dell’immobile viene assunto l’onere di messa a disposizione a titolo gratuito dei locali, e dei relativi servizi, comprese utenze e personale di sorveglianza e pulizia per eventi organizzati o promossi dal Comune”. Inoltre altri elementi di valutazione sono: “gli interventi indicati nel programma di valorizzazione previsti nel corso della intera durata della concessione per la tutela e conservazione dell’immobile e per il mantenimento dell’idoneità allo svolgimento di attività e funzioni previste, per il potenziamento e sviluppo delle caratteristiche tecnico-impiantistiche dell’immobile e dei servizi accessori necessari a incrementare le capacità di ospitare i relativi eventi”; “il numero di annualità di durata complessiva della concessione” (non superiore a 25) e il “curriculum con indicazione delle esperienze già acquisite nella gestione delle attività oggetto della proposta di uso dell’immobile”.
Il bando rimarrà aperto per 30 giorni. Le buste dovranno pervenire entro le 13 del 30 gennaio 2017 all’ufficio Protocollo della Direzione Patrimonio Immobiliare, via dell’Anguillara 21, Firenze.
Successivamente si procederà ad acquisire il nulla-osta della Soprintendenza per la concessione del bene e a sottoscrivere quindi contestualmente sia l’atto di compravendita tra FS Sistemi Urbani e Comune di Firenze che l’atto di concessione tra il Comune di Firenze e il concessionario individuato con bando pubblico. (mf)
 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati