testata per stampa
Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

English Version
GEOmobi 055055

GEOmobi

Infomobilità, ZTL, Parcheggi, Lavaggio strade in tempo reale

Trova Firenze

Trova Firenze

I luoghi della Città: Sedi, Uffici, Musei, Seggi elettorali....

Percorso: Home > Comunicati Stampa > Giunta > Banca Etica, Perra: “Vendita di quote imposta dalla...
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

14/11/2017
Banca Etica, Perra: “Vendita di quote imposta dalla legge”
L’assessore ai consiglieri di Firenze riparte a sinistra: “Applichiamo le norme in materia di partecipazione”

“La vendita delle quote di Banca Etica è imposta dalla legge”. L’assessore al bilancio e alle partecipate Lorenzo Perra risponde così ai consiglieri di Firenze riparte a sinistra Grassi e Trombi e alla consigliera Verdi. “Le norme in materia, ed in particolare il recente decreto legislativo 175/2016 – spiega Perra - prescrivono regole rigide in merito alla detenibilità o meno delle partecipazioni (articolo 4) escludendo quelle non strettamente necessarie per il perseguimento dei propri fini istituzionali, e l’attività creditizia non può ricomprendersi in tale fattispecie. Non solo: a spingere nella direzione di una dismissione della partecipazione – aggiunge l’assessore - oltre alle disposizioni sopra citate, incide anche giurisprudenza amministrativa ed in particolare la sentenza del Consiglio di Stato Sez. V n.4688 dell’11/11/2016. Noi siamo ben consapevoli di quello che aveva chiesto il consiglio comunale e lo condividiamo, ma non si può fare per legge”. (sp) 


«Torna alla lista

Agenda

 

Ricerca risultati

Dal giorno :
Al giorno :
Categoria :
Parole nel testo:
 

Ultimi comunicati

Licenza Creative Commons Comune di Firenze - Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria 50122 FIRENZE - P.IVA 01307110484

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006